Loading
3 Giugno 2019

Rosalba Losito

“Danza che ti passa” Esperienza con utenti psichiatrici in cura dal C.S.M. dell’Area1 Asl Bari

CONFERENZA // DOMENICA 30 GIUGNO ORE 10.30

 

Storicamente le persone cosiddette “disagiate” sono state isolate dal flusso principale della vita sociale.
Questo isolamento spesso limita la loro esperienza sociale, fisica ed emozionale così come l’espressione degli affetti. Tuttavia ogni essere umano vive al di sotto delle sue possibilità ed è sovente afflitto da varie disagi invisibili: solitudine, sfiducia in se stessi, senso di inadeguatezza di fronte alla vita.
La nostra società riconosce valore alle persone soprattutto attraverso la loro efficienza e produttività, per questo le caratteristiche maggiormente valorizzate sono quelle cognitive come l’intelligenza, il linguaggio, il ragionamento logico, oppure quelle fisiche di prestanza, salute, autonomia. Così il significato della vita viene arbitrariamente legato all’integrità psicofisica dell’individuo generando la svalutazione di tutte quelle situazioni in cui tale integrità è compromessa.
La persona con problemi psichiatrici, nel sistema di una società che la rifiuta, può vivere l’esperienza di perdita di relazioni affettive come pure di svalutazione e perdita della propria identità di essere umano.
Questi due processi creano un vuoto, una perdita di senso e di ragione di vita.
Eppure in una visione più avveniristica e profonda, la vita si esprime soprattutto in termini di interrelazioni che negli esseri umani culminano nell’esperienza affettiva e spirituale. L’affettività, l’emozione, il tatto, la percezione di sé stessi, sono presenti anche nelle situazioni patologiche più gravi e danno una misura più veritiera sulla scala dei valori da attribuire all’esperienza di vita.
Per restituire ad ognuno la dignità di essere umano vivente ed appartenente ad una comunità, occorrerebbe celebrare l’importanza di essere vivi e di potersi relazionare agli altri esseri umani anche senza l’uso della parola e l’esibizione delle proprie capacità. Danzare la vita è una proposta di riabilitazione esistenziale basata sull’accoglienza libera e incondizionata dove la diversità, il disagio, vengono accolti senza giudizio e preoccupazione, dove ognuno può sentirsi accettato e valorizzato per quello che è.

 

ROSALBA LOSITO

 

DIDATTA DI BIODANZA COUNSELOR RELAZIONALE

Laureata in Scienze Politiche, perfezionata in: Psicologia sociale (Università di Bari) e Consapevolezza e Comunicazione dei sentimenti ed emozioni (Università di Siena).
Ho conseguito il master in Relazioni interpersonali, comunicazione e counseling – indirizzo formazione ed ho concluso il dottorato di ricerca in “Studi per la pace e risoluzione dei conflitti” sez. Analisi e risoluzione dei conflitti interpersonali (Università di Siena). Counselor relazionale ad indirizzo “Voice dialogue” (Psicologia dei Sé).

Didatta e tutor della Scuola di Biodanza dell’Adriatico, specializzata in: “Biodanza per bambini ed adolescenti”, “Albero dei Desideri”, “Biodanza ed integrazione del femminile”, “Biodanza nelle organizzazioni”, “Progetto Minotauro”, Presentimento dell’Angelo” “Identità e i 4 elementi” e “Identità, Autostima e Autoimmagine”. Pratico Biodanza da circa 23 anni e la promuovo in varie parti d’Italia. Ho conseguito la formazione da Didatta con Rolando Toro Araneda, ho portato Biodanza in Puglia nel 1996 organizzando stage e vacanze. Ricercatrice e appassionata di esoterismo, studiosa di mitologia greca ed archetipi. Ho condotto stage nelle Scuole di Biodanza di Puglia, Adriatico e Roma

CONDUTTRICE da oltre 18 anni DI GRUPPI SETTIMANALI , STAGE E VACANZE DI BIODANZA IN VARIE PARTI D’ITALIA (attualmente a Bari)

NELLE ISTITUZIONI PUBBLICHE: CORSO DI FORMAZIONE PER INSEGNANTI PRESSO L’ISTITUTO V. GALILEI DI PISA NELL’AMBITO DEL PROGETTO: “CAPIRE E COMUNICARE OLTRE LE PAROLE”

Biodanza per bambini presso le scuole: Materna “Margherita” ed elementare “E. Ricci” di Santarcangelo (Rimini); “G. RODARI” RIMINI; elementare Falcone-Borsellino di Bari, e PON presso la scuola media “Michelangelo” di Bari, scuola secondaria “Delilla” di Bari e scuola primaria ”Bovio” di Ruvo di Puglia. Progetto con la ASLBA distretto di Molfetta per gli utenti dei CSM di Molfetta, Giovinazzo e Corato.

Laboratori di Biodanza per l’associazione A.N.CO.RE.;

laboratori di Biodanza nel IV ciclo del Master “COUNSELING RELAZIONALE E FORMAZIONE ALLE COMPETENZE COMUNICATIVO-EMOTIVO-RELAZIONALI (Università di Siena – polo aretino)

 

Category: 2019